Home Formazione ed aggiornamento professionale Altri eventi Convegno Regionale ISSE Firenze 2009

Formazione ed eventi
a cura della Direzione del sito


Panorama sanitario
a cura di Adriano Tagliaferri


Notizie dal mondo
a cura di.Adriano Tagliaferri

social network


 


 



 

Convegno Regionale ISSE Firenze 2009

                                                                                                                                 

                  Azienda Ospedaliero - Universitaria  Careggi

  

           

    Chirurgia Generale                            Endoscopia                        

     e d’urgenza 3                              chirurgica AOUC            

  (Dir. Prof. G. Biliotti)                (Resp. Dott. R. Naspetti)

 

“APPLICAZIONE DELLE NUOVE TECNOLOGIE IN ENDOSCOPIA DIGESTIVA”

 

     11 Dicembre 2009     
                                                               

                                  Ore: 8.15

 

                            Sede del convegno:

 

                                Aula Magna

 

                      Facoltà Medicina e Chirurgia

 

                      Viale Morgagni, 85 - Firenze

                                                   
                                          

                                 ORGANIZZATORE DEL MEETING


                                          Prof. Luca Bandettini

 

                                     SEGRETERIA ORGANIZZATIVA


                                                       Dott.ssa Vanessa Carroni


                                                        Dott. Niccolò Bartolini


                                                         Dott. Riccardo Gattai


                                                            Caterina Foppa

 

                             ELENCO MODERATORI E RELATORI

 

 Bechi P.  (Firenze)                                                                           
Bonelli A.  (Firenze)                                                                       
Cattaneo D. (Napoli)                                                                       
Freschi G.  (Firenze)                                                                            
Gulkova Z. (Mosca)                                                                              
Naspetti R.  (Firenze)                                                                          
Nucci A.  (Firenze)                                                                                  
Rodella L. (Verona)                                                             
Tagliaferri A. (Milano)       

    
Biagini R.  (Firenze)                                                                          
Capezzuto E. (Roma)                                                                    
Cianchi F.  (Firenze)                                                                          
Galli A.  (Firenze)                                                                                  
Marabini M.  (Firenze)                                                                     
Nencini R.  (Firenze)                                                                          
Pezzullo A. (Napoli)                                                                              
Sciumè C. (Palermo)                                                                       
Valdinoci M.  (Firenze)

Biliotti G.  (Firenze)                                                                         
Catalano F. (Verona)                                                                      
Dabizzi E.  (Firenze)                                                                         
Gensini G.  (Firenze)                                                                         
Messerini L.  (Firenze)                                                                         
Norberto L. (Padova)                                                                          
Pinto A.  (Firenze)                                                                                
Surrenti C.  (Firenze)                                                                         
VanHooft J. (Amsterdam)

                      

                        

 Il grande sviluppo tecnologico dell’endoscopia diagnostica e operativa che è avvenuto in questi  ultimi 20 anni ha consentito di fare uso di una diagnostica sempre più precisa e precoce con conseguente impiego di procedure meno invasive, rivoluzionando tutta la disciplina endoscopica   per cui essa sta ampliando enormemente i suoi confini  applicativi. Da queste considerazioni  è nata l ‘esigenza e l’utilità di organizzare un Meeting sull’ “Applicazione delle nuove tecnologie in endoscopia digestiva”, con la partecipazione non soltanto dei colleghi nazionali e fiorentini che operano all’ interno dell’AOUC , ma anche di quelli europei dell’est e di quelli di estrazione anglosassone.
In questo contesto non poteva mancare anche il contributo dell’ infermiere endoscopi sta sempre più partecipe all’applicazione delle nuove procedure e del medico legale per conoscere le implicazioni  giuridiche che comportano l’impiego di queste nuove tecnologie. Pertanto questo meeting  è rivolto non soltanto a tutto il personale sanitario e in particolare a quello che opera all’interno dell’AOUC , ma anche agli specializzandi in Chirurgia generale, dell’Apparato digerente e in Gastroenterologia,  nonché agli studenti in Medicina e chirurgia perché nel loro bagaglio culturale abbiano una aggiornata conoscenza  delle possibilità offerte dalla endoscopia diagnostica e terapeutica.

                                                                                                                   Prof. L. Bandettini

  

Presentazione

 

Accingendomi  - come prevede il protocollo – a introdurre il meeting ideato e organizzato da Luca Bandettini,  non posso che magnificare il ruolo  acquisito dall’endoscopia in clinica.                E’ un ruolo che si è distinto in capo a una ventina di anni  grazie a progressi  fino a poco  tempo  fa  inimmaginabili,  dei quali  sono stato diretto testimone nell’arco del mio  percorso accademico.                 Ricordo con un velo di nostalgia l’occasione  che fece scalpore nel nostro ambito  quaranta anni orsono, occasione che vedeva  il Professor Giovanni Allegra, coadiuvato  dal Dottor Francesco Andreoli, effettuare una  gastroscopia con endoscopio a fibre ottiche - innovazione tecnica entusiasmante -  nel corso di una rubrica televisiva allora molto in voga: “Orizzonti delle Scienza e della Tecnica”.                    Un velo di nostalgia  perché quell’evento  rappresenta un ricordo di gioventù, ma soprattutto  perché il chirurgo a quell’epoca  faceva parte  della pattuglia  dei pionieri  innovatori  dell’assistenza medica, anzi ne era forse la punta più avanzata.                      La novità era appunto l’endoscopio flessibile,  con le sue doti di sottigliezza e duttilità, quando era ancora in uso l’esofagoscopio rigido, del quale la sperimentazione era stata fatta grazie alla collaborazione degli “ingoiatori di spade” degli spettacoli di piazza del primo dopoguerra.           Ieri da pioniere,poi semplice esecutore,oggi il chirurgo endoscopista  insieme al  radiologo interventista ha assunto il ruolo di  colui che insegue sempre nuovi  obbiettivi  per risolvere brillantemente  situazioni per le quali il chirurgo deve ricorrere a procedure che richiedono grande rischio per il paziente.   Quanto detto  vale sia per la funzione diagnostica che per quella operatoria.   Per l’insieme di questi  motivi  riconosco grande merito a Luca Bandettini  - amico prima che stretto collaboratore - per questa iniziativa ideata  per fare il punto – soprattutto per  noi profani – sullo stato dell’arte di questa specialità, assurta a  livelli elevati d’importanza clinica per la  molteplicità e la qualità delle prestazioni. I chirurghi, in modo particolare,  seguiranno i lavori con grande attenzione.               
     

  

                                                                                                      Prof. GC. Biliotti

Presentazione

L’Endoscopia digestiva, parte integrante per la ricerca, la diagnosi e la terapia in Gastroenterologia e Chirurgia addominale, ha subito negli ultimi venti anni una crescita tecnologica travolgente con un aumento costante della richiesta.
Dopo essersi infatti affermata come tecnica diagnostica, sostituendo in gran parte la radiologia nello studio dell’apparato digerente, è divenuta anche mezzo terapeutico alternativo alla chirurgia in diverse patologie addominali perché consente un notevole risparmio di tempo e costi e, attualmente, la chirurgia tradizionale trova spesso nell’approccio endoscopico alternative valide ed egualmente efficaci.
E’ per me una felice occasione partecipare alla presentazione di questo incontro organizzato con grande entusiasmo e dedizione che sempre lo distinguono dal Prof. Luca Bandettini.
L’incontro è stato concepito affinché si possano acquisire quelle nozioni che permetteranno di focalizzare correttamente le novità tecnologiche che occuperanno nel prossimo futuro spazi importanti nell’ambito di algoritmi terapeutici complessi e quasi sempre multidisciplinari: per questo il target del Congresso non sono solo i cultori della materia ma è esteso ugualmente a chi utilizza anche indirettamente  i progressi della tecnologia e della scienza endoscopiche.
Colgo l’occasione per ringraziare i membri e il Direttivo della I.S.S.E. (Italian Society for Surgical Endoscopy) che con la loro presenza, anche nelle relazioni del Congresso, hanno sottolineato l’attenzione specifica che tale Società scientifica concentra nelle iniziative congressuali locali.
                                        

                                                                                                       Dott. R. Naspetti

 

Meeting sulle “Applicazione delle nuove tecnologie in Endoscopia Digestiva“

  

                                Venerdì  11 Dicembre 2009

 

Ore 8,15 :   Iscrizione e registrazione partecipanti

 

Ore 8,45 :   Presentazione del Meeting
                      Prof. L. Bandettini (Organizzatore del Meeting)
                      Dott. R. Naspetti (Responsabile SOD End. Chirur. AOUC)

 


Ore 9,00 :  Saluto ai partecipanti
                    Prof. G. Gensini (Preside Facoltà di Medicina e Chirurgia          Università di Firenze)
                    Dott. M. Marabini (Direttore Sanitario AOUC)
                    Onorevole R. Nencini (Presidente Consiglio Regionale          Toscana)       
         Prof. G. Biliotti (Direttore SOD Chirurgia Generale e                  d’Urgenza 3)
                    Prof. C. Surrenti (Direttore SOD Gastroenterologia)


Ore 9,30 :   Lettura
        Dott. Tagliaferri A. (Mi): Nuove tecnologie in endoscopia:   una deriva tecnologica o una disciplina in evoluzione ?

 

 

Ore 9,45   I Sessione: Nuove tecnologie in endoscopia esofago-gastrica
                   Moderatori: Prof. C. Surrenti (FI); Prof. P. Bechi (FI)

- Norberto L. (PD): La palliazione endoscopica del carcinoma dell’esofago e del cardias

- Naspetti  R. (FI): Il trattamento endoscopico della MRGE

- Rodella L. (VR): Il trattamento endoscopico del diverticolo di Zenker

- Freschi G. (FI): NBI e Barrett

- Catalano F. (VR): Dissezione sottomucosa endoscopica nel  trattamento dell’early gastric cancer

Discussione


Ore 11,15 :  Coffee break


Ore 11,30   II Sessione: Nuove tecnologie in endoscopia della via biliare
      Moderatori: Prof. F. Cianchi; Prof. C. Sciumè
- Gulkova Z. (Mosca): Le lesioni cistiche del pancreas

- Biagini R. (FI): Ruolo dell’ecoendoscopia nella diagnostica della patologia delle vie biliari


- Nucci A. (FI): ERCP: evoluzione terapeutica

Discussione

 

Ore 12,45   III Sessione: L’infermiere endoscopista nell’applicazione delle nuove tecnologie endoscopiche
                  Moderatori : Dott. A. Galli; Dott. A. Tagliaferri

- I.P  Valdinoci M. (FI) ; I.P. Pinto A. (FI) :  Il ruolo dell’infermiere di fronte alle nuove procedure endoscopiche

Discussione

 

Ore 13.15 :  Lunch break

 

Ore 14.30    IV Sessione : Il patologo e le nuove tecnologie endoscopiche. 
Aspetti Medico Legali dell’applicazione delle nuove tecnologie in endoscopia digestiva 
                 Moderatori : Prof. L. Bandettini; Dott. D. Cattaneo

- Messerini L. (Fi): Caratterizzazione morfologica dei polipi del colon-retto alla luce delle nuove tecnologie endoscopiche

- Bonelli A. (Fi): Rilievi medico-legali  nell’applicazione delle nuove tecnologie in endoscopia digestiva

- Pezzullo  A. (Na): Implicazioni medico legali in endoscopia delle vie biliari 

Discussione

 


Ore 15.30  V Sessione: Nuove tecnologie in endoscopia colo-rettale
                         Moderatori : Prof. C. Fucini; Prof. L. Norberto

- Van Hooft J. (Amsterdam): Colonic stenting, the holy grail ?  

- Bandettini L. (FI): Il sistema NBI nella diagnostica dei   polipi colo- rettali

- Capezzuto E. (Roma): le polipectomie difficili e estreme

- Dabizzi E. (FI): Applicazioni della microscopia confocale in endoscopia : un nuovo strumento diagnostico per le nuove generazioni future ?

Discussione

 

16,30 : Chiusura del meeting

A.Tagliaferri: Lettura

 

Nuove tecnologie in Endoscopia Chirurgica: 

una deriva tecnologica o una disciplina in evoluzione?

Le nostre riflessioni partono da una rivisitazione del pensiero dello psichiatra e filosofo Karl Jaspers che dedicò parte del suo lavoro a una revisione critica della medicina e dell'agire del medico alla luce delle conquiste tecnologiche.             Ne dedusse, già a partire dalla prima metà del secolo scorso, che la figura del medico negli anni a venire sarebbe uscita ridimensionata dal confronto con il progresso tecnologico.            La tecnologia applicata alla Medicina ha trasformato radicalmente concetti e orientamenti che da sempre hanno rappresentato una sorta di linea guida del nostro sapere medico.            Le odierne prospettive di vita e la possibilità di vivere in salute per lungo tempo si sono concretizzate soprattutto con l’aumento delle conoscenze e della tecnologia applicata alla Medicina.           Da sempre la nostra professione è stata caratterizzata da una unità inscindibile fra due culture, quella umanistica e quella scientifica, tanto che in passato lo studio della filosofia, madre di ogni pensiero organizzato, era parte integrante degli studi universitari medici, ai quali si accedeva esclusivamente con un bagaglio culturale di tipo letterario. Con Foucault crediamo che la medicina abbia ricevuto dalla Filosofia un posto nel sistema generale del Sapere e il lavoro del medico, sia che lo si voglia considerare intellettuale che pratico, deve essere inquadrato in una prospettiva storico-filosofica per essere compreso al meglio.
Storicamente la conoscenza in Medicina si è concretizzata nelle varie discipline interagendo strettamente con la filosofia, la sociologia e la teologia che i medievali chiamavano “scienza sacra”.           E' evidente l'intento di considerare la figura del medico in stretta relazione  con la complessità della condizione umana. Un anelito verso la conoscenza intesa in termini strettamente filologici, una conoscenza che ha valori morali in sè, valori che pertanto non possono entrare in conflitto con l'uomo che è ciò che si vuole conoscere.   Antropologia dunque, studio e cura dell’uomo nella sua totalità un'unità psicofisica ove il sapere medico affonda le sue radici nella filosofia e nella teologia,  quali peculiari guide nel microcosmo dove l’uomo rispecchia l’ordine universale.      Osservazione analisi ed empatia col paziente si fondono in un sapere naturalistico ed umanistico.          Oggi tuttavia queste considerazioni, benché valide, sono state accantonate in nome di uno sviluppo tecnologico la cui portata non è del tutto prevedibile.               Abbiamo infatti a disposizione modalità di cura ove gli aspetti tecnologici prevalgono su quelli relazionali.                     Ai giorni nostri parliamo indifferentemente di tecnica e di tecnologia. Tuttavia questi termini, utilizzati per lo più come omonimi, risiedono in una specifica area semantica.                      E’ alla filosofia greca e in particolare ad Ippocrate, che dobbiamo la definizione di  Téchnē iatriké, l'arte di curare, e di Epistémē, la scienza, intesa come forma di conoscenza più certa, contrapposta all’opinione. L'una subordinata all’altra e purtuttavia autonome, rappresentano il riferimento a quell’insieme di conoscenze che trovano una applicazione nel concreto, in diretto contrasto con conoscenze astratte.         Da qui il termine “tecnica” che differisce dalla “tecnologia” intesa come applicazione pratica di una qualsiasi conoscenza, cioè un insieme di piattaforme scientifiche idonee a migliorare le condizioni di vita dell’uomo.             Ora, se consideriamo invece la tecnica come l’insieme dei mezzi per raggiungere un fine è evidente come l’uomo sia sempre stato in grado di coordinare i mezzi che aveva a disposizione in vista della realizzazione dei propri scopi con la possibilità di aumentare, almeno teoricamente, all’infinito tale potenzialità intervenendo la dove la natura fallisce, nel nostro caso quando si manifesta la malattia.          Noi medici con le specifiche necessità legate alla nostra professione non facciamo eccezione a questa regola e siamo chiamati ad intervenire, tramite la tecnologia, sull’uomo e in generale nella Società.         La tecnica rappresenta dunque tutta una serie di competenze, derivanti dall’esperienza, che vanno a costituire un bagaglio di conoscenze la cui evoluzione va di pari passo con progressivi miglioramenti.          E’ una evoluzione intesa come sviluppo e movimento ordinato a un fine. Tuttavia l’uomo non è in grado di risolvere tutti i suoi problemi grazie alla tecnologia, la quale pur essendo riuscita ad ottenere enormi successi, tende a sbagliare quando si scontra con la biologia e, in talune situazioni, con i principi morali.               E’ questo il territorio di studio di quella disciplina filosofica, la bioetica, che studia i rapporti fra scienza e i problemi morali connessi alla sua evoluzione.                  L’etica, almeno come dottrina rigorosamente laica e comunque fondamento razionale dell’essere secondo il pensiero di Spinoza, è la dottrina del fine cui tende l’uomo e, allo stesso tempo, rappresenta il mezzo più efficace per raggiungerlo.             La bioetica interviene a gestire gli inevitabili momenti di attrito che scaturiscono dalla ricerca scientifica suggerendo ciò che sarebbe opportuno evitare e contemporaneamente indicando una possibile soluzione del problema.                 Appare evidente e necessaria l’osmosi fra scienza, evoluzione tecnologica e principi morali, dove la bioetica, forse in  modo manicheo, dovrebbe essere lo spartiacque fra il bene e il male.           Se consideriamo la Medicina come scienza essa ha lo scopo principale di conoscere, ma se la consideriamo “arte” il suo scopo principale è prendersi cura del malato.            Noi siamo propensi a considerare la Medicina, e in particolar modo la Chirurgia e le Discipline ad essa collegate, un’arte che oggigiorno si esprime soprattutto con la tecnica ma che richiede uno specifico spessore culturale e un grande patrimonio etico personale.           Inevitabilmente la Scienza medica deve sottostare ad una valutazione etica perchè l'oggetto di studio è l'uomo nella sua complessità.          Si realizza in tal guisa il concetto aristotelico che coniuga e distingue la conoscenza teorica, cioè la scienza, dalla conoscenza applicata, cioè l’arte.             Oltre che ineluttabile lo sviluppo tecnologico appare giustificato dal continuo evolvere delle patologie e tale sviluppo si accompagna ad una aspettativa di vita ormai percepita come indefinita temporalmente.  Infatti il progresso tecnologico induce erroneamente il pubblico, cioè i nostri pazienti, a pensare che  il verificarsi di un errore non sia più possibile.              Riteniamo essere sbagliato oltre che pericoloso aderire alle mode  delle novità, affidando ai media messaggi illusori, poi trasmessi al pubblico e da questo travisati, sulle capacità terapeutiche infallibili per curare questa o quella patologia schiudendo le porte a contenziosi dai risvolti oscuri, pericolosi e talvolta traumatizzanti.             E’ nostro convincimento che la medicina debba essere lontana dalla sirena ammaliatrice della ribalta mediatica, così pronta a osannare tanto quanto, repentinamente, ad orientare negativamente il pubblico.           Il tecnicismo portato agli estremi non può e non deve prescindere dal contatto umano perché è pur vero che qualunque strumento tecnologico, anche il più moderno e raffinato, ha dietro di sè la mente umana che lo ha creato e che lo usa.              Da qui la necessità di addestrare le nuove generazioni di specialisti ad affrontare in modo umile le attuali sofisticate strumentazioni, a creare le necessarie competenze idonee all’uso e alla interpretazione dei risultati ben sapendo noi tutti che da decenni coltiviamo la nostra disciplina, di quanto lungo sia stato il periodo di apprendimento per poter raggiungere soddisfacenti risultati.               Apprendimento che deve andare ben oltre la conoscenza teorica dei problemi ma che deve completarsi sul campo, quotidianamente.
Se così non fosse basterebbero le conoscenze apprese dai plutei di una qualunque biblioteca per fare un buon chirurgo o un buon endoscopista. Divulgazione, apprendimento ed addestramento sono alcuni dei compiti delle Società scientifiche.              Ci pare opportuno a questo punto citare le parole dell’amico Bandettini, tratte da un suo bellissimo editoriale ove dice testualmente: ”Non dobbiamo essere considerati degli abilissimi tecnici al servizio di altri specialisti, o solo delle comparse nella cura dei pazienti, vogliamo essere attori di tutti i processi decisionali. Noi siamo dei chirurghi specialisti che sappiamo utilizzare l’alta tecnologia endoscopica a disposizione”.            Ecco il punto: è il medico, lo specialista nel nostro caso, che deve decidere come usare la tecnologia, affinché quest’ultima non si trasformi da “mezzo” a “fine”, ma soprattutto non può  correre il rischio che tutto sia misurabile con criteri strumentali escludendo de facto gli antichi ma sempre validi dettami della semeiotica e della clinica.       Non possiamo e non dobbiamo consegnare alle “macchine” l’oggettivazione di condizioni fisiopatologiche dell’organismo. Dobbiamo in sostanza tendere alla percezione analitica dell’esistenza, alla esplorazione minuziosa del corpo umano, ritornare cioè alla Clinica. Un concetto che già Heidegger aveva concepito riformulando il sapere in veste tecnico scientifica.              E’ pur vero che se la medicina, intesa come arte, si avvicina al concetto filosofico di ricerca del vero, è altrettanto incontestabile che la dovizia di mezzi che oggi il medico ha a disposizione per raggiungere questo “vero” è così grande che a volte può portare fuori strada, o quantomeno può allungare il percorso per raggiungere la meta.         Ciò si può verificare quando lo strumento da “mezzo di conoscenza” diventa “oggetto “ di conoscenza.             La tecnologia inoltre non ha limiti nel mettere a disposizione del medico, sempre più specialista nello specialista, strumenti sempre più sofisticati che, almeno all’inizio, difficilmente possono far parte del bagaglio culturale di tutti i medici.            Non solo.
Tale tecnologia, oltre ad essere così sofisticata è talmente costosa nel suo frenetico divenire, che non può necessariamente essere patrimonio di tutte le realtà ospedaliere distribuite sul territorio nazionale.
E’ un paradosso, ma quanto più ci si affida alla tecnica sofisticata, tanto maggiore sono le differenze interpretative, i filosofi parlerebbero di ermeneutica, e i modi di avvicinare e curare la patologia.
Per questo crediamo che la tecnica, non debba mai essere disgiunta dalla clinica, così come il “gesto terapeutico” non deve essere mai disgiunto dal metodo e dalla conoscenza.               Metodo inteso come disciplina del pensiero e conoscenza nella accezione epistemologica del termine, e cioè l’insieme di tutte quelle condizioni che sottendono alla conoscenza scientifica mai separate dai metodi per raggiungere tale conoscenza.       Quindi competenza cognitiva come obiettivo di qualità professionale ed evoluzione del proprio essere ed agire.         Evoluzione concepita come la creatio continua dei teologi, cioè un processo ininterrotto che conduce a nuove conoscenze ed acquisizioni.   La nostra disciplina, l’Endoscopia Chirurgica, è oggi forse fra tutte le discipline la più evoluta tecnologicamente; storicamente l’endoscopia nacque sulla spinta della curiosità scientifica di esplorare segmenti dell’organismo non accessibili direttamente.              I pionieri della nostra disciplina cominciarono con strumenti a fibre ottiche, strumenti con i quali molti di noi si sono avvicinati all’endoscopia, con un approccio, visto con l’attuale metro tecnologico, a basso impatto tecnologico.        Questi strumenti sono stati usati per anni sino a quando, sulla spinta della evoluzione tecnologica le fibre ottiche con strumenti ad oculare sono stati sostituite dalla videoendoscopia elettronica e dalla elaborazione computerizzata delle immagini.          Ciò, tra l’altro, ha permesso il passaggio dell’operatore dalla posizione china a quella eretta, una sorta di evoluzione darwiniana nella postura dell’endoscopista, utile alla colonna vertebrale ma non scevra comunque da pericoli di attacchi proditori da tergo, spesso temibili soprattutto se condotti da colleghi.               La tecnologia ha contribuito in maniera sostanziale attraverso una straordinaria perfezione tecnica della nostra strumentazione a mutare il nostro lavoro quotidiano, a volte trasformando le caratteristiche individuali dei singoli operatori, spesso migliorandone le capacità. Queste caratteristiche sono già una realizzazione de facto di ciò che dovrà essere il futuro dei nostri ospedali, che rispondendo alla convergenza, peraltro ossimorica, di esigenze economiche e qualitative dovranno essere ad alto contenuto tecnologico e rispondere a standard qualitativi elevati a fronte di limitate disponibilità economiche.          A ciò si aggiunga la necessaria integrazione con le altre Specialità che ruotano attorno alla nostra disciplina, tale da configurare una sorta di unità per contrastare una eccessiva frammentazione dei saperi scientifici. Già nel 2000 Daniel Callahan, considerato il fondatore della bioetica, ebbe l’intuizione che l’evoluzione esponenziale della tecnologia in medicina, e la sua applicazione, avrebbe prodotto costi crescenti e soddisfazione decrescente associati paradossalmente tra loro.      Callahan fece ricorso alla mitologia, ad Esculapio e a sua figlia Igea per cercare di spiegare questo controsenso.Esculapio divenne tanto bravo che non solo curava i suoi malati ma li faceva ritornare in vita, sovvertendo l'ordine naturale delle cose e le leggi della natura.           Per questo atto di superbia Zeus lo punì con le sue folgori.      Igea, che impersonava la Salute suggeriva gli stili di vita necessari a mantenere lo stato di benessere.       Questi due atteggiamento oggi li definiremmo come rappresentanti la medicina ipertecnologica e la medicina preventiva.       Una, la medicina ipercurativa, rifiuta di arrendersi alla morte, l’altra rappresenta i desideri individuali di salute perenne di ognuno di noi.       Il risultato è una medicina sempre più costosa con un impatto sulla salute, o meglio sull’immaginario dei nostri pazienti, apparentemente sempre meno evidente.           Non ritengo opportuno elencare metodiche e strumenti che l’evoluzione tecnologica ci ha fornito col passare del tempo.                       Affido volentieri questo compito ai relatori che mi seguiranno, i quali  per competenza ed esperienza saranno di gran lunga ben più esaustivi di quanto non possa essere io.               A loro lascio inoltre il compito di rispondere al quesito che ha guidato queste riflessioni, che ben lungi dall’avere la pretesa di dirimere il problema credo si debbano interpretare come uno stimolo a perseguire traguardi sempre più alti.        Credo sia questa la molla che spinge i giovani ad occupare temerariamente gli scranni delle Facoltà di Medicina, ignari di dover affrontare in futuro i pericoli e le incertezze di una professione che sta diventando molto simile a ciò che provavano gli antichi navigatori quando superavano le colonne d’Ercole.             O saranno forse affascinati dalle continue sfide per sconfiggere il compimento biologico della vita, quello che Faust nel Mefistofele chiamava il “giungere sul passo estremo”?
              

 

Informazioni generali:

L’iscrizione è gratuita
Verrà rilasciato l’attestato di partecipazione
La partecipazione fa parte del curriculum formativo degli specializzandi in Chirurgia Generale , Chirurgia dell’Apparato Digerente e Gastroenterologia
Per gli studenti in Medicina e Chirurgia la partecipazione  dà diritto  alla acquisizione di crediti formativi
L’iscrizione dà diritto al Coffee break e al Lunch
Non è prevista traduzione simultanea
L’iscrizione al Meeting potrà essere effettuata:
Presso la segreteria la mattina del meeting
Oppure con l’invio di e-mail al seguente indirizzo:
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. , specificando:     Nome - Cognome - Data di nascita - E-mail         Ente di appartenenza -  S.O.D. – Qualifica – Cellulare

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Autenticazione soci



 


 

PAST CONGRESS

 

Syndication