Home Opinione Per la seconda volta la ISSE a Yaroslavl

Formazione ed eventi
a cura della Direzione del sito


Panorama sanitario
a cura di Adriano Tagliaferri


Notizie dal mondo
a cura di.Adriano Tagliaferri

social network


 


 



 

Per la seconda volta la ISSE a Yaroslavl Stampa E-mail
Lunedì 11 Marzo 2013 21:53

EDITORIALE

Prof. Luca Bandettini       DOWNLOAD

Dal 16 al 17 Febbraio si è svolto a Yaroslavl, organizzato dal "Russian Endoscopy Training Center", il Workshop "Challenging Endoscopic Tecniques: a stepwise approach and clinical experience", con sessioni di live endoscopy e training di endoscopia chirurgica su modelli ex vivo di animali (stomaco di maiale) e simposi sulle emorragie digestive e sulle complicanze in endoscoscopia chirurgica. Per me è stato un grande onore avere avuto il privilegio di essere tra i direttori del corso e moderatore delle sessioni, ed anche se l'invito era personale, quale facente parte del Consiglio Direttivo della ISSE, mi sono permesso di portare i saluti del nostro Presidente e della società.

 

 

 

 

Ancora una volta l'accoglienza e l'ospitalità dei colleghi russi è stata eccezionale e l'organizzazione perfetta. Io e la Dott.ssa Caterina Foppa, presente quale discussant, abbiamo apprezzato in particolar modo quanto ci ha fatto vedere il Prof. Itoh durante il live endoscopy. Abbiamo ammirato la sua precisione e la sua tecnica nell'esecuzione di 2 ESD per early gastric cancer. Ciò che ci ha più colpito è stata la rapidità dell'esecuzione (meno di 30 minuti), la precisione e il sempre perfetto controllo di ogni passaggio nell'esecuzione della procedura. Anche il Prof. Kashin (responsabile ed organizzatore del workshop) ha eseguito ESD ed EMR gastriche e coliche. Purtroppo all'ultimo momento è mancata la presenza del Prof. Ribeiro che per un trauma ad un arto inferiore non ha potuto lasciare la sua sede di Oporto.

Le procedure eseguite in live endoscopy (EMR/ESD) mi hanno sempre più convinto che esse oggi sono interventi non più sperimentali ma devono essere considerati nel trattamento delle neoplasie gastriche e colorettali iniziali. Infatti grazie all'alta tecnologia (cromoendoscopia con coloranti vitali e virtuale) è sempre più facile osservare lesioni molto piccole che controindicano interventi demolitivi, senza modificare la prognosi. Se le sessioni di live endoscopy sono state particolarmente interessanti altrettanto sono stati interessanti i simposi sui sanguinamenti gastrointestinali non da varici e sul trattamento delle complicanze dopo EMR/ESD. Per quanto riguarda le sessioni sui sanguinamenti anche per i nostri colleghi russi gli argomenti oggetto di controversie sono gli stessi che affrontiamo nelle nostre riunioni scientifiche. Una intera mattinata è stata dedicata alla parte pratica su stomaci di maiale, questa è consistita nell'esecuzione di EMR/ESD nelle tecniche di emostasi e nelle polipectomie, tutto questo con l'assistenza diretta del Prof. Itoh, del Prof. Kashin e degli altri direttori del corso tra cui il sottoscritto. Anche la Dott.ssa Foppa ha partecipato al training.

Per concludere, anche questa volta il workshop a Yaroslavl è stato per me e per la Dott.ssa Foppa un'esperienza molto interessante e ci ha permesso di conoscere ancora più approfonditamente il livello dell'endoscopia chirurgica russa che sicuramente è di notevole spessore. Per me come rappresentante, anche se non ufficiale, della ISSE è stato molto importante la partecipazione a questo evento scientifico che mi ha permesso di portare il contributo mio personale e di mostrare il livello dell'endoscopia chirurgica italiana. Credo che questo contributo sia stato particolarmente apprezzato in quanto sono stato nuovamente invitato per il prossimo Luglio a tenere una lettura magistrale sullo screening-diagnosi-trattamento delle neoplasie iniziali colorettali. Inoltre nell'incontro ufficiale con il rettore della facoltà medica di Yaroslavl, Prof. Pavlov, e con il vice governatore della regione di Yaroslavl, Dott. Senin, è stato stabilito di dare ufficialità ad un eventuale collaborazione tra le università di Firenze e di Yaroslavl per un interscambio di giovani endoscopisti. Credo che incrementare la collaborazione tra la realtà endoscopica russa e quella italiana sia molto importante per la ISSE e che l'invito fatto dal Dott. Rodella al Prof. Kashin ed alla Dott.ssa Galkova al prossimo congresso ISSE di Verona sia un ulteriore passo per migliorare la collaborazione.

PHOTO GALLERY

 

Autenticazione soci



 


 

PAST CONGRESS

 

Syndication